E le donne?

Come i poteri politici (legislativo, attuativo, valutativo, revisionale e rappresentativo) saranno coordinati dagli uomini, così alle donne sarà dato il compito di coordinare il potere economico. Verrà quindi redatta una Costituzione economica che avrà come punto di riferimento i cinque settori economici: 1-beni economici 2-altri beni 3-servizi finanziari 4-altri servizi 5-Banca nazionale…che presto naturalmente sarà mondiale.
A questo punto può essere interessante fare un confronto tra i poteri politici e i settori economici. Nel primo settore, cioè i beni economici, questi producono valore e quindi necessitano di una legislazione anteriore all’attuazione; gli “altri beni”, non producendo valore, vengono attuati prima che serva redigere le leggi che li riguardano; al terzo posto la valutazione del bene attraverso l’utilizzo dello strumento finanziario; poi la revisione del bene difettato, attraverso quei servizi necessari e quindi non comprendenti denaro; infine la rappresentanza, gestita dalla banca nazionale.
Tutto qui^^

NEW CONSTITUTION OF ITALIAN ISOCRATIC REPUBLIC

BASIC PRINCIPLES

Art. 1 – The world is a Federal Republic founded on Isocratic production of ideas and resources to the collective well-being rated. The sovereignty belongs, in the forms and limits of the Constitution, every citizen equally.

Art. 2 – The Republic recognizes the citizen, both as an individual and social groups in which he expresses his personality, the inalienable right to be protected from injustice or unfair and, if they become aware of the social duty to report them.

Art. 3 – The citizens have equal social dignity without distinction of sex, race, language, religion, political opinion, personal and social condition; before the law, before the Italians, everyone is “citizen of the universe”. It is the responsibility of the Republic to remove those obstacles of political, economic and social nature which constrain the freedom and equality of citizens, prevent full individual development and the desirable positive trend of the whole political system, economic and social in the country.

Art. 4 – The Republic recognizes that all citizens the right to free expression as long as they comply with applicable laws and to receive, for such action, a reasonable compensation under the laws of the market. Every citizen has the right to play, according to his possibilities and choices, as long as an activity or function contributes to the material and moral progress of society as a whole.

Art. 5 – The Republic, one and indivisible, is Federal and so recognizes and promotes local autonomies, and implements, services that depend on the State, the broadest measure of administrative accords the principles and methods of its legislation to the requirements of autonomy and decentralization .

Art. 6 – The Republic safeguards linguistic minorities by special rules.

Art. 7 – The World State complies with the order and the independence of every sovereign state that is not ruled by violence or tyranny. The Italian Republic is a member of the UN as the European Parliament and of these arise in order to safeguard a fair international law.

Art. 8 – All religious confessions are equally free before the law and their acts are valued as those of any other citizen, organization, agency or institution. Their relations with the State are regulated by law on the basis of agreements with their respective representatives.

Art.9 – The Republic promotes the development of science and art of the country, protecting the environment and heritage within the frame, aimed at preservation of national culture.

Art. 10 – The World legal system conforms to the generally recognized norms of international law. The legal status of foreigners is regulated by law in conformity with international standards and treaties. A foreigner who is denied his country in the effective exercise of the freedoms guaranteed by the World Constitution isocratic has the right of asylum in the territory of the Republic according to the conditions laid down by law.
Do not allow the extradition of a foreigner for political offenses.

Art. 11 – The World rejects war as an instrument of aggression against the freedoms of others peoples and as a means of settling international disputes allows, on an equal footing with other states, to the limitations of sovereignty necessary for an order that ensures peace and justice among nations, promotes and encourages international organizations having such ends.

Art. 12 – The flag of the Republic is the draw of the two half of the world in a yellow circle in a rectangle half light blue and half dark blue..

PART I – RIGHTS AND DUTIES OF CITIZENS

Title I – Civil Relations

Art. 13 – Personal liberty is inviolable unless that does not compromise the constitutionally recognized, the other. It is not allowed any form of detention, inspection or personal search nor any other restriction of his liberty by a reasoned evaluation, and only in cases and manner provided by law. The public security authorities, in exceptional cases of necessity and urgency strictly defined by applicable law, may adopt interim measures that must be reported within forty-eight hours to coordinate evaluation and, if this not be confirmed in the next forty-eight hours, they are revoked prejudice so devoid of any effect. It is punished every physical and moral violence on individuals subjected to restrictions of freedom. The law establishes the maximum period of preventive detention.

Art. 14 – The home is inviolable. There may be inspected or search or seizure except in cases and manner established by law in accordance with the guarantees prescribed for safeguarding personal freedom. The investigations and inspections for reasons of health and safety or for economic and fiscal purposes are regulated by special laws.

Art. 15 – The freedom and secrecy of correspondence and any other form of communication is inviolable. Their limitation may be imposed only by warrant from the evaluation with the guarantees established by law.

Art. 16 – Every citizen may move and reside freely in any part of the national territory, within the limits established by the law in general for reasons of health or safety. No restrictions may be made for political reasons. Every citizen is free to leave the territory of the Republic and re-enter, unless required by law.

Art. 17 – Citizens have the right to assemble peacefully and unarmed for meetings, even in a place open to the public, no notice is required. For meetings in the public notice must be given to the authorities, who may forbid them only for reasons of security or public safety.

Art. 18 – Citizens have the right to associate freely, without authorization, for purposes which are not forbidden to individuals by criminal law. Secret associations are prohibited and those who serve, even indirectly, political ends by military organizations.

Art. 19 – Everyone has the right to freely profess their religious faith in any form, individually or in association, to propaganda and in private or in public worship, provided, that the rites are not contrary to morality.

Art. 20 – The ecclesiastical nature and purpose of religion or belief, of an association or institution, can not be a cause for special limitations in law, tax liens or particularly for its establishment, legal status or any of its activities.

Art. 21 – Everyone has the right to freely express their thoughts in speech, writing or any other means of communication. The press can not be subjected to authorization or censorship.
Seizure is permitted only by a warrant from the evaluation in the case of offenses for which the Press Act and the regulations expressly so authorizes. In such cases, when there is absolute urgency and when the timely intervention of the courts, the seizure of the press can be performed by official assessors, who must promptly, always within twenty-four hours, the same complaint to make. If this validation in the twenty-four hours, the seizure will be defined.
The law may establish, by general rules, the disclosure of the financial resources of the periodical press. Are prohibited publications, shows and other displays contrary to morality, if not properly authorized. The law establishes appropriate means to prevent and suppress violations.

Art. 22 – No one can be deprived for political reasons of legal capacity, citizenship, name.

Art. 23 – No personal service or property may be imposed except by law.

Art. 24 – Anyone can ask for the protection of their legitimate rights and interests apply to the evaluation. The defense is inviolable at every stage of the proceedings.
For the less affluent, are sure ways to act and defend themselves before any assessment.
The law determines the conditions and ways to repair the error evaluation.

Art. 25 – No one may be distracted by the evaluator previously ascertained by law, be punished except by virtue of a law is in force before the offense was committed or subject to security measures except in cases provided by law.

Art. 26 – The extradition of a citizen is permitted only in cases expressly provided for in international conventions. Under no circumstances is permitted for political offenses.

Art. 27 – Criminal responsibility is personal and not for sale.
The defendant is not considered guilty until the final assessment of guilt.
Punishment can not consist in treatment contrary to human dignity and must aim at rehabilitating the offender.
It is not permitted the death penalty.

Art. 28 – Officials and employees of the State and public bodies, like any other worker, are directly responsible, under criminal, civil and administrative law, for acts committed in violation of existing rules in relation to their use.

Title II – Reports ethical and social

Art. 29 – The Republic recognizes the rights of the family as a natural society founded on marriage.
Marriage is based on the moral and legal equality of spouses within the limits established by law to guarantee the unity of the family.

Art. 30 – It is the duty and right of parents to support and educate their children even if born out of wedlock. In cases of incapacity of the parents, the law provides for the fulfillment of their tasks.
The law ensures to children born outside of marriage full legal and social protection, compatible with the legitimate rights of family members.
The law lays down the rules and limitations for the determination of paternity.

Art. 31 – The Republic assists through economic measures and other provisions the formation of the family and the fulfillment of its duties, with particular consideration for large families.
Protects mothers, children and youth, promoting the institutions necessary for that purpose.

Art. 32 – The Republic safeguards health as a fundamental right of the individual and collective interest, and guarantees free medical care to the indigent.
Nobody can be forced to a specific medical treatment except for the provisions of the law. The law can in no case violate the limits imposed by respect for the human person.

Art. 33 – The art and science are free and it is the teaching.
The Republic lays down general rules for education and establishes state schools for all orders and degrees. Organizations and individuals shall have the right to establish schools and institutions of education, at no cost to the state. The law, in fixing the rights and obligations of non-state schools which request parity, shall ensure that these freely and to their pupils scholastic treatment equal to that of pupils in state schools. State examinations are prescribed for admission to the levels and types of schools or at their termination and for qualifications to exercise a profession.
Institutions of higher learning, universities and academies, have the right to their own regulations within the limits established by state law.

Art. 34 – The school is open to all. Elementary education, imparted for at least eight years, is compulsory and free. Capable and deserving pupils, even without means have the right to attain the highest levels of education. The Republic renders this right effective through scholarships, allowances to families and other benefits, which devano be attributed to the competition.

Title III – Economic Reports

Art. 35 – The Republic protects work in all its forms and applications.
For the training and professional advancement of workers.
It promotes and encourages international agreements and international organizations aimed at establishing and regulating labor rights.
It recognizes the freedom to emigrate, safeguarding obligations established by law in general, and protects Italian workers abroad.

Art. 36 – The employee is entitled to wages in proportion to the quantity and quality of their work and in any case as sufficient to ensure, to the family and free and dignified existence.
The maximum duration of the working day is fixed by law.
The employee is entitled to a weekly rest and paid annual leave, and can not waive this right.

Art. 37 – Working women have the same rights and for equal work, equal pay as working. Working conditions must allow women to fulfill their essential family duties and to ensure mother and child a special appropriate protection.
The law establishes the minimum age for wage labor.
The Republic protects the work of children with special provisions and guarantees them equal work, the right to equal pay.

Art. 38 – Every citizen unable to work and without means of subsistence has a right to welfare support.
Workers have the right to be assured adequate means for their needs and necessities in case of accident, sickness, disability and old age and involuntary unemployment.
Disabled and handicapped persons have the right to education and vocational training.
The duties laid down in this article are provided for organs and institutions established or supported by the State. Private assistance is free.

Art. 39 – The union is free.
The unions can not be imposed obligation other than registration at local or central, according to the law. It is a condition of registration that the statutes of trade unions establish a basis of the internal isocratic. Registered trade unions are legal persons. They can, through a unified representation in proportion to their membership, collective labor contracts with binding effect for all the categories under which the contract relates.

Art. 40 – The right to strike is exercised within the laws that regulate it.

Art. 41 – Private economic initiative is free.
There shall not be contrary to the common good or in a manner that could damage safety, liberty and human dignity.
The law determines appropriate planning and controls so that public and private economic activities may be directed and coordinated social purposes.

Art. 42 – The property is public or private. Economic assets belong to the State, to entities or individuals.
Private property is recognized and guaranteed by law, which prescribes the manner of acquisition, enjoyment and limitations so as to ensure its social function and make it accessible to all.
Private property may be, in such cases provided by law, and payment of compensation, be expropriated for reasons of general interest.
The law establishes the regulations and the limits of legitimate and testamentary inheritance and the inheritance rights of the State.

Art. 43 – For the sake of general utility the law may reserve or transfer, by means of expropriation and compensation, the State, to public or community workers or users, specific enterprises or categories of businesses which relate to essential public services or sources of energy or monopolies and have the nature of primary interest.

Art. 44 – In order to achieve the rational exploitation of land and equitable social relationships, the law imposes obligations and constraints on private ownership of land, fixed limits to its extent depending on the region and agricultural zone, encourages and imposes land reclamation, the transformation the estates and the reorganization of productive units, assists small and medium-sized holdings.
The law makes provisions for mountain areas.

Art. 45 – The Republic recognizes the social function of cooperation of a mutualistic, non-speculative. The law promotes and encourages them through the most appropriate means and secures, through appropriate controls, the character and purposes.
The law safeguards and promotes artisanal work.

Art. 46 – For the purposes of the elevation of economic and social work in harmony with the demands of production, the Republic recognizes the right of workers to collaborate, in the manner and within the limits established by law, the management of enterprises.

Art. 47 – The Republic encourages and safeguards savings in all its forms, regulates, coordinates and controls the operation of credit.
It promotes the access of the savings to ownership, to directly cultivated property and indirect investment in law and equity of the large production complexes in the country.

Title IV – Political Relations

Art. 48 – Voters are all citizens, men and women who have come of age.
The vote is personal and equal, free and secret. Its exercise is a civic duty.
The right to vote can not be restricted except for civil incapacity or as a result of irrevocable penal sentence or in cases of moral unworthiness established by law.

Art. 49 – All citizens have the right to freely associate in groups of five people (administrators) that, once elected, will manage the state in all its forms.

Art. 50 – All citizens may present petitions to the auditors to request legislative measures or to express needs.

Art. 51 – All citizens of either sex are eligible for public offices and elected positions on equal terms, according to the requirements established by law.
The law may, for admission to public offices and elected positions, the Italians do not equate to the citizens belonging to the Republic.
Those who are called elective public office is entitled to the time needed to perform and keep his job.

Art. 52 – The defense of the Fatherland is a sacred duty for every citizen, according to the possibilities and inclinations of each.
The ordering of the armed forces are isocratic as the spirit of the Republic.

Art. 53 – All are required to contribute to public expenditure because of their ability to pay.
The tax system is based on criteria of progressivity.

Art. 54 – All citizens have the duty to be loyal to the Republic and to uphold the Constitution and laws.
Those citizens to whom public functions are entrusted have the duty to fulfill with discipline and honor, taking an oath in cases established by law.

PART II – ORGANISATION OF THE REPUBLIC

Title I – Coordination

Art. 55 – The coordination and thus the entire power management of the republic, is shared equally between the five coordinators, elected as “pentacoalization” universal suffrage and direct (from people with sixteen years of age) for a term of five years, with the possibility of re-election indefinitely. Each of them will coordinate a different aspect of state action:
1 – Action legislative
2 – Action implementation
3 – Evaluation Action
4 – Action revisional
5 – Action Representative.

Section I – The Senate
Art. 56 – The coordination of legislative action, exercised by the Senate, it is for a coordinator also called First Senator.
The First Senator coordinates, as first among equals, a team composed of four more legislators, appointed by himself. The five senators, in turn, coordinate the action of five legislative assemblies, each with different specifications: 1-rights of the State 2-duties of the State 3- rights of the citizen 4-duties of the citizen 5-international law (the latter coordinated by the First Senator).

Art. 57 – The Legislative Assemblies are composed of twenty-five members each. In total, one hundred twenty-five senators are covered.
Top senators are eligible to all voters, on election day, have made the twenty-five years of age.

Art. 58 – The Senate shall adopt its rules by absolute majority of its members.
The meetings are public except for grave reasons of public order and serious decisions. The Senate meets in plenary session at least once a week.
The resolutions are not valid if there is a majority of their constituents and if they are taken by majority vote of those present, unless the Constitution prescribes a special majority.
Each coordinator has the right first, and if required the obligation, to attend meetings and intervene where necessary.

Art. 59 – The law determines the cases of ineligibility and incompatibility with the office of senator. No one may belong simultaneously to different offices with basic specification.

Art. 60 – The Senate decides the qualifications for admission of its members and the causes of ineligibility and incompatibility.

Art. 61 – Each Senator represents the Nation and carries out his duties without a binding mandate.

Art. 62 – Members of the Senate may be prosecuted for opinions expressed or votes cast in the exercise of their duties, if against the law.
In the case of criminal proceedings, every senator will follow the dictates “The law is equal for all”, posing as an ordinary citizen to the evaluation of acts.

Art. 63 – Members of Parliament shall receive a compensation established by law according to meritocratic criteria.

Section II – The formation of laws
Art. 64 – The legislative function is exercised exclusively by the Senate.

Art. 65 – Legislation is initiated by each member of the First Cordinator and you and members of their cabinet. The people may initiate legislation by the proposal, by at least fiftythousand electors, a bill drafted in articles. One hundred thousand signatures are needed to repeal a law.

Art. 66 – Every bill presented to the Senate shall, in accordance with its rules, examined by members of the Senate itself, which approves it section by section and with a final vote.
The rules establish shortened procedures for draft legislation that has been declared urgent. The five groups are legislated independent review and approve bills. Each bill can be stopped by a vote of 25 Senators. The normal procedure for consideration and direct approval by the Senate is always followed for bills on constitutional and electoral enabling legislation, the ratification of international treaties, approval of budgets and accounts.

Art. 67 – Laws can be stopped by an absolute majority of the board of the five First Coordinators within a month of their approval. Laws are published immediately after approval and shall enter into force on the fifteenth day following its publication, unless the laws themselves establish a different time.

Art. 68 – The First Board of Coordinators, before promulgating a law, may a considered opinion in the Senate, ask for a new debate.
If the Senate approves the law again, it must be promulgated.

Art. 69 – The exercise of the legislative function may not be delegated to other First Coordinators if not with the determination of principles and criteria and only for a limited time and for specified.

Art. 70 – When, in cases of extraordinary need and urgency, the Implementation Coordination issues interim measures with the force of law, the same day must present them for conversion to the Senate, which is specially convened and shall meet within five days.
The decrees lose effect from their inception if they are not converted into law within sixty days of their publication. The decrees passed into law does not totally lose effectiveness.

Art. 71 – Amnesty and pardon are granted by the College of the five First Coordinator, unanimously.
They can not apply to offenses committed after the proposed delegation.

Art. 72 – Each Senator may conduct inquiries on matters of public interest with whatever means it deems most appropriate, or try to block the other that it considers harmful. The committee of inquiry conducts its investigations and examinations with the same powers and the same limitations as evaluative.

Section III – The Government of the Republic
Art. 73 – The coordination of the implementation, carried out by the Government of the Republic, it is for a coordinator also called Prime Minister.
The Prime Minister coordinates, as first among equals, a team composed of four other ministers appointed by him. The five Ministers, in turn, coordinate their actions for the implementation of five assemblies, each with different specifications: 1-Activity of the State of the State 2-Liabilities of the State 3-Activities of the citizen 4-liabilities of the city 5-International Cooperation (the latter coordinated by the Prime Minister).

Art. 74 – The implementation Assemblies are composed of twenty-five members each. In total, one hundred twenty-five Ministers are covered.
They are elected as Prime Minister that all voters, on election day, have made the twenty-five years of age.

Art. 75 – The Government shall adopt its rules by absolute majority of its members.
The meetings are public except for grave reasons of public order and serious decisions. The Government will meet in plenary session at least once a week.
The resolutions are not valid if there is a majority of their constituents and if they are taken by majority vote of those present, unless the Constitution prescribes a special majority.
Each coordinator has the right first, and if required the obligation, to attend meetings and intervene where necessary. Each member of the state structure, may make a proposal for implementation.

Art. 76 – The law determines the cases of ineligibility and incompatibility with the office of minister. No one may belong simultaneously to different offices with basic specification.

Art. 77 – The Government decides the qualifications for admission of its members and the causes of ineligibility and incompatibility.

Art. 78 – Each minister represents the Nation and carries out his duties without a binding mandate.

Art. 79 – Members of the Government may be prosecuted for opinions expressed or votes cast in the exercise of their functions, though against the law.
In the case of criminal proceedings, each Minister will follow the dictates “The law is equal for all”, posing as an ordinary citizen to the evaluation of acts.

Art. 80 – Members of the Government shall receive a compensation fixed by law according to meritocratic criteria.

Section IV-function implementation
Art. 81 – The function implementation is exercised exclusively by the Government.

Art. 82 – In addition to initiate legislation, the government takes care of business management of the State, with particular attention to citizen satisfaction and in compliance with laws passed by pentacoalization in power.
The people may object to any initiative of the Government, through the proposal, by at least fifty electors, a bill drafted in articles. It can also be a promoter of acts, with the collection of signatures at least one hundred thousand.

Art. 83 – Each proposed implementation, the Government has made, according to its rules, examined by members of the government itself, which approves it section by section and with a final vote. The rules establish shortened procedures for the implementation of these proposals has been declared urgent. The five implementation groups may independently review and approve proposals. Each of these can be stopped by a vote of 25 Ministers. The normal procedure for consideration and direct approval by the Government has always adopted for the acts on constitutional and electoral approval of budgets and accounts.

Art. 84 – The Acts can be stopped by an absolute majority of the board of the five First Coordinators, within one month of their approval.
The proceedings are published immediately after the approval and shall become effective immediately upon publication, unless the acts themselves establish a different time.

Art. 85 – The exercise of the function implementation can not be delegated to others except with First Coordinators determination of principles and criteria and only for a limited time and for specified.

Art. 86 – In cases of extraordinary need and urgency, the Implementation Coordination may issue provisional measures having the force of law, the same day must present them for conversion to the Senate, which is specially convened and shall meet within five days.
The decrees lose effect from their inception if they are not converted into law within sixty days of their publication. The decrees passed into law does not totally lose effectiveness.

Art. 87 – Coordination shall submit an annual implementation budgets and accounts to be approved by the Coordination revisional.
The provisional budget can not be granted except by law and for periods not exceeding a total of four months. With the approval of the budget by the revisional management, we can not introduce new taxes and new expenditures.

Art. 88 – Each Minister may conduct inquiries on matters of public interest with whatever means it deems most appropriate, or try to block the other that it considers harmful. The committee of inquiry conducts its investigations and examinations with the same powers and the same limitations as evaluative.
Section V – Coordination of evaluation of the Republic
Art. 89 – The evaluation is done right or wrong actions, as appropriate, by the Coordination Evaluative, the figure of the First Evaluator, assisted by four assessors appointed by him.
The five evaluators well identified, forming the First Court Evaluative, and are each leading a team of twenty-four evaluators, a total of 125 evaluators, divided into five sections. These are: 1-The Council of State: Currency Crimes of the State 2-The Court of Auditors: Currency Crimes of the citizen 3-Superior Council of Magistracy: evaluates the merits / demerits of the State 4-the court of Assizes: assesses the merits / demerits of the city 5-l’Alta International Court: Currency international issues (the latter co-ordinated by the First Evaluator).
The evaluators are also subject to the law, to be elected or appointed, must be at least twenty-five years of age.

Art. 90 – The evaluation function is exercised by ordinary Assessors, established and regulated by rules of evaluation. Evaluators may be established for emergency or extraordinary or special needs, but in that case the evaluation, to be valid, must be approved by a majority of the board of assessors 125 (the evaluating panel). They can be hosted evaluative bodies, specialized sections for specific matters, with the participation of qualified citizens, strangers to the evaluating panel.
The law regulates the cases and forms of direct participation of people in the administration of the evaluation.

Art. 91 – By the first evaluator, according to the rules of the evaluation: recruitment, assignments and transfers, promotions and disciplinary measures of the evaluators.

Art. 92 – The evaluators report directly to the first evaluation, which in turn responds to the Grand Council of Pentacoalization.

Art. 93 – The rules governing the evaluation and any Court assessors shall be established by the Rules of the Apparatus Valutatorio.
The law ensures the independence of evaluators from possible manipulation by political forces or other threatening the integrity and the truth of the assessments themselves.

Art. 94 – The authorities assess and evaluatethese rappresentative of the State, as every citizen.

Section VI – Rules of assessments
Art. 95 – All evaluation measures must be motivated.
Against sentences and against measures on personal freedom pronounced by ordinary and special valuation are always allowed to use pentacoalization for violation of the law.

Art. 96 – The public prosecutor has the obligation to prosecute.

Art. 97 – Against acts of public administration is always permitted evaluation of the protection rights and legitimate interests before the organs of ordinary or administrative assessment.
This protection assessment can not be excluded or limited to particular kinds of appeal or for certain categories of acts.
The law determines which assessment bodies to annul acts of public administration in the cases and the effects provided by the law itself.

Section VII – The Chamber of the Republic revisional

Art. 98 – The revision of the laws of any work type, is made, as appropriate, by the Chamber prognostic, the figure of the First Auditor, assisted by four auditors appointed by him.
The five highlighted as auditors, they form the First Chamber prognostic, and are each leading a team of twenty-four auditors, a total of 125 auditors, divided into five sections. These are: 1-State of the Chamber: reviewing the laws for the State 2-The Board of Auditors: reviewing the laws for the citizen 3-revisional Council: reviewing the assessments for the State 4-The Court of Revision: reviewing the assessments for the city. 5-l’Alta International Chamber: reviewing the international issues (the latter co-ordinated by the First Auditor).
The auditors are also subject to the law, to be elected or appointed, must be at least twenty-five years of age.

Art. 99 – The evaluation function is exercised by ordinary auditors, established and regulated by rules of revisional.
Auditors may be established for emergency or extraordinary or special needs, but in this case review, to be valid, must be approved by a majority of the board of auditors 125 (College revisional). They can be hosted revisional bodies, specialized sections for specific matters, with the participation of qualified citizens, strangers to the college revisional.
The law regulates the cases and forms of direct participation of people in the administration of the prognostic.

Art. 100 – Belong to the First Auditor, according to the rules of the revisional: hiring, assignments and transfers, promotions and disciplinary action in respect of auditors.

Art. 101 – The auditors report directly to the First Auditor, which in turn responds to the Grand Council of pentacoalization.

Art. 102 – The rules governing the revisional revisionary and each House shall be determined by the internal regulations of the Apparatus revisional.
The law ensures the independence of auditors from possible manipulation by political forces or other threatening the integrity and the truth of the revisions themselves.

Art. 103 – Revisional authority is assessed, as any citizen.

Section VIII – Rules on revisions

Art. 104 – All revisional measures must be justified.
Against the revisions concerning the personal freedom pronounced by ordinary and special revisional are always allowed to use pentacoalization for violation of the law.

Art. 105 – Against acts of public administration is always permitted revisional protection of the rights and legitimate interests before the organs of ordinary or administrative review.
This protection can not be excluded or revisional limited to particular kinds of appeal or for certain categories of acts. The law determines which audit bodies to annul acts of public administration in the cases and the effects provided by the law itself.

Section VIII – The President of the Republic

Art. 106 – In pentacoalization Council, the President of the Republic is the coordinator with the representative action.

Art. 107 – Representation of the Republic is made, as appropriate, by the President of the College, the figure of the President (or Prime Ambassador) assisted by four ambassadors appointed by him.
The five ambassadors highlighted as well, forming the First Presidential Board, and are each leading a team of twenty-four ambassadors, a total of 125 ambassadors, divided into five sections. These are: 1-office relations with Europe 2-office relations with North America 3-office relations with South America 3-office relations with Asia 4-office relations with Africa and Oceania (the latter coordinated by the president).
The ambassadors are also subject to the law, to be elected or appointed, must be at least twenty-five years of age.

Art. 108 – Relations and relations with the various continents, are exercised on behalf of the Republic of ordinary Ambassadors, established and regulated by rules of relationships.
May be established ambassadors extraordinary or special urgency or necessity.

Art. 109 – The Chairman, in accordance with the rules of relational assumptions, assignments and transfers, promotions and disciplinary measures of the ambassadors.

Art. 110 – The Ambassadors will report directly to the President, which in turn responds to the Grand Council of pentacoalization.

Art. 111 – The rules of each Presidential Board or embassy, ​​were prescribed by rules of procedure of the presidency.
The law ensures the independence of ambassadors from possible manipulation by political forces or other threatening the integrity and the truth of the embassies themselves.

Art. 112 – The presidential authority can be evaluated, like any citizen.

Art. 113 – All relational measures must be motivated.

Title II – Regions, Provinces, Municipalities

Art. 114 – The Republic is again in the capital (Rome), in five regions with five capitals (Milan, Florence, Naples, Palermo and Cagliari) and in the various municipalities, each coordinated by local representatives of the state, according to the criterion pentaorganizzativo.

Art. 115 – The Region shall issue laws for the following subjects within the limits of the fundamental principles established by the laws of the State, so far, those rules do not conflict with the national interest and that of other regions:
– Ordering of office and administrative bodies belonging to the Region;
– Municipal districts;
– Urban and rural local police;
– Fairs and markets;
– Charities and public health care and hospital;
– Education and professional craftsmanship and educational assistance;
– Local museums and libraries;
– Urban planning;
– Tourism and hospitality industry;
– Tram and bus lines of regional interest;
– Roads, aqueducts and public works of regional interest;
– Navigation and lake ports;
– Mineral and thermal waters;
– Quarries and peat bogs;
– Hunting;
– Fishing in inland waters;
– Agriculture and forests;
– Arts and crafts;
– Other matters indicated by constitutional laws.
The laws of the Republic may delegate to the State the power to enact rules for their implementation.

Art. 116 – Region administrative functions incumbent upon the matters listed in the previous article, except those of purely local interest, which can be attributed by the laws of the Republic to municipalities or other local authorities.
The State may by law delegate to the State the exercise of other administrative functions.
The region normally carries out its administrative functions by delegating to municipalities or other local authorities, or by making use of their offices.

Art. 117 – The Regions have financial autonomy in the manner and within the limits established by the laws of the Republic, which shall coordinate with the finances of the State and municipalities.
The Regions are assigned their own taxes and share of state taxes, in relation to the needs of the regions for expenses necessary to fulfill their normal functions.
To provide for certain purposes, and particularly to enhance the South and Islands, the state law to assign individual regions special contributions.
The region has its own Federal property and assets, as stipulated by the law of the Republic.

Art. 118 – The Regions may not levy duties on imports or exports or transit between the regions.
Can not take measures which in any way obstruct the free movement of persons and property between the regions.
Can not restrict the right of citizens to exercise in any part of the national territory of their profession, employment or work.

Art. 119 – The bodies of the region: the regional council and its president.
Throughout twenty-five advisors are acting as divided into five shares of power sottoconsigli of five members each. They can propose laws to the Senate.
The President of the Regional Council and its four close associates, representing the region, promulgate laws and regional statutes, directs the functions implementation, evaluation, and revisional in its region. Respond directly to pentacoalization.

Art. 120 – The appointment system, and the number of cases of incompatibility regional councilors are established by a law of the Republic.
No one may belong simultaneously to a regional council and other institutional charges.
The pentacoalization appoint a regional president and he will appoint the Regional Council.
The regional councils may be called to answer for opinions expressed or votes cast in the exercise of their functions.

Art. 121 – Each region has a statute which, in harmony with the Constitution and the laws of the Republic lays down rules on the internal organization of the region. The statute shall regulate the exercise of the right of initiative and referendum on laws and administrative measures of the region and publication of regional laws and regulations.
The statute is approved by the Regional Council by an absolute majority of its members, and is approved by the Law of the Republic.

Art. 122 – A commissioner implementation, an evaluation and a prognostic, residents in the capital of the region, oversee the administrative functions exercised by the state and coordinate with those exercised by the Region.

Art. 123 – The legality of administrative acts of the Region is exercised in a decentralized, an arm of the State, in the manner and within the limits established by the laws of the Republic. The law may in some cases admit the control on the sole effect of promoting, by reasoned request, the review of the decision by the Regional Council.
In the Region have set up organs of administrative evaluation of First Instance, according to the rules established by the law of the Republic. May establish different sections based the regional capital.

Art. 124 – The Regional Council may be dissolved, when it acts contrary to the Constitution or serious violations of the law, or does not match the invitation of the Government to replace the Board or the President, who have done similar acts or violations.
It can be dissolved when, due to resignation or inability to form a majority, is unable to function.
It may also be terminated for reasons of national security.
The dissolution decree is willing reasoned pentacoalization

Art. 125 – Every law passed by the Regional Council has notified the Commissioner that, except in case of opposition from the pentacoalization must visit within thirty days of notification.
The law is promulgated within ten days from endorsement and shall enter into force no earlier than fifteen days after its publication. If a law is declared urgent by the Regional Council, and pentacoalization permits, promulgation and entry into force are not subject to the terms indicated.
The pentacoalization, when it deems that a law passed by the Regional Council or exceed the competence of the region contrasts with the national interests or those of other regions, the regional council refers to the deadline for the endorsement.
Where the Regional Council approves the new absolute majority of its members, the pentacoalization may, within fifteen days of communication, raise the question of legitimacy or merit before the Constitutional Court. In case of doubt, the Court decided who is competent.

Art 126 – The municipalities are autonomous entities within the principles established by the general laws of the Republic, which determine the functions.

Art. 127 – Municipalities are also districts of the state and regional devolution.
The provincial boundaries can be divided into districts with administrative functions only for a further decentralization.

Art. 128 – An organ of the Region, consisting in the manner prescribed by the law of the Republic, exercises, even in a decentralized, the legality of acts of municipalities and other local government entities. In cases determined by law may be exercised on the control of, in the form of a reasoned request to the deliberative bodies to review their decision.

Art. 129 – They consist of the following regions:
ValFata (Piemonte, Valle d’Aosta, Lombardy, Trentino-Alto Adige, Veneto, Friuli-Venezia Giulia), Maroltre (Liguria, Emilia-Romagna, Tuscany, Umbria, Marche, Lazio), Cabianca (Abruzzi, Molise, Campania, Puglia , Basilicata, Calabria), Concilia (Sicilia) and Sardinia.

Art. 130 – You can, by constitutional law, having heard the Regional Councils, a merger between existing Regions or the creation of new regions with a minimum of one million inhabitants, when requested by many municipal councils representing at least one third of the populations concerned, and the proposal is approved by referendum by a majority of said populations.
It may, by referendum and the law of the Republic, after consultation with the regional councils, to allow provinces and municipalities that request it, are disconnected from one region to another and aggregates.

Art. 131 – The Region, after hearing the people involved, may establish through its laws new Municipalities within its territory and modify their districts and names.

Title VI – Constitutional Guarantees

Section I – The Constitutional Court
Art. 132 – The Constitutional Court shall be constituted by members of pentacoalization finished second in the elections. Currency:
Controversies on the constitutional legitimacy of laws and acts having the force of law, the State and the Regions;
-On jurisdictional disputes between the powers of the State and those between the State and the Regions, and between regions;
-Accusations made against members of pentacoalization to government, under the Constitution.

Art. 133 – The constitutional judges shall leave office with the expiry of the mandate of pentacoalization in power. The positions of the five members of the court, mirror those of the members of pentacoalization. The office of judge of the Court is incompatible with membership of Parliament, of a Regional Council and with every appointment and office indicated by law.
In actions for charges against members of pentacoalization involved in power beyond the ordinary judges of the Court, twenty members chosen by lot from a list drawn up by the government, the citizens having the qualification necessary for election.

Art. 134 – When the Court declares unconstitutional a provision of law or enactment having the force of law, the law ceases to have effect from the day following the publication of the decision.
The Court’s decision is published and communicated to pentacoalization and Regional Councils concerned, so that, where considered necessary, they shall act in conformity with constitutional procedures.

Art. 135 – A constitutional law shall establish the conditions, forms, deadlines for proposing judgments on constitutional legitimacy, and the guarantees of the independence of judges.
Ordinary laws shall establish the other provisions necessary for the establishment and functioning of the Court.
The decisions of the Constitutional Court shall be no appeal.

Section II – Amendment of the Constitution. Constitutional Laws
Art. 136 – Laws amending the Constitution can only be decided by a majority of pentacoalization to power, three out of five regional councils, or a million signatures.

Art. 137 – The republican form can not be subject to constitutional review.

TRANSITIONAL AND FINAL

Art. I. With the entry into force of the Constitution, the vote is held to elect the new pentacoalization the First World Isocratic Republic.

Milan, 04/01/2012 – 04.45 hours

Signed: Simone Coen Balduzzi

Basic program for a global reorganization (5 ideas for a possible alternative).

1 – EDUCATION: mandatory inclusion of the subject “Development of memory and speed reading” as early as the sixth year of the education system. This study, now marketed under the name “Eureka Method” costing more than a thousand euros per person, promises to increase the potential of the brain by over 80%. Shouldn’t this be a world heritage?

2 – POLICY: Change model; move from ineffective “democracy”, which also means a communist motto,” to a decisive “isocracy” which, from the Greek, means “equal powers.” In practice we have five equal powers: legislative, implementation, evaluation, prognostic and representative; each power have a coordinator. From among the proposed people selected, would be deployment of the five best “specialists” (of course individuals). The group will divide evenly the elected roles, powers and responsibilities. No parties, instead we will simply have “pentacoalizations”.

3 – CINEMA: transforming films so that it is no longer a projection, but a reflection, as in a mirror. From these words, it portrays diversity: thinking it shows more intensely the emotions to the audience, giving the audience the ability to concentrate rather than disperse. We live the movie in first person, by stimulating the hemisphere of the brain used less and learn more.

 4 – ECONOMY: Modernising the absurd division of economic sectors on which today’s economy is based. How can you be so limited as to believe that everything is divided between agriculture, industry, services, and an elusive and mysterious advantage service (which everyone says is his, but basically no one understands anything). All in all, however, the solution is simple:
First: economic assets.
Second: other assets.
Third: financial services.
Fourth: other services.
Fifth: National Bank
It is enough! No occult or hidden sector workers. Then, on this basis, hopefully renewal of the entire system will start.

5 – PHILOSOPHY: I oppose the Hegelian theory, which includes a thesis, antithesis and synthesis. In my personal theory, it should end with a “pro-thesis” the waste including the “synthesis” itself, reprocessed and recycled. All I would call “philosophical analysis”.

 
Simone Coen Balduzzi – for comments and questions: ridiesorridi@gmail.com

LAWS OF ISODYNAMIC

First law of isodynamic: in any system, for every action there is a reflex reaction, and this pair tends, like all the system, to the unit.

Second law of isodynamic: any system is called “entropy” if measured as “chaos imploding” and “destropy” if aimed at an “explosive chaos.” Both of these processes, taken individually, leading to the mathematical concept of “nothing cosmic” or “point over.” The union of “entropy” and “destropy”, however, leads to “antropy”, defined as an “anti-chaos” without any constraints. The absolute antropy’s figure is the “infinite point”, mathematical omnidimentional concept .

Third law of isodynamic: The absolute closure of a system is inconceivable, except for the “point infinity.” The energy exchanged inside him, remains in the constant direction of the unit.

Fourth law of isodynamic: the opening of an absolute is inconceivable, except for the “point over.” The energy created inside it, is the direction of the unit whole.

Fifth law of isodynamic: In principle, the system consisted of a single body, filled with chaotic, and so conflicting energies; the evolution leads the system to one, single energy shared by each body. The energy of the “point over”.

Nuovo Decalogo in rima

1. Tu sei l’Eterno tuo Dio e anch’io.
2.Nulla è all’infuori di Te, tranne me. Adora ciò che vuoi, ma ricordati di noi.
3. Il tuo nome ti appartiene, con le sue gioie e le sue pene; dovunque viene, puoi cambiarlo se conviene.
4. Glorifica il creato e onora il vicinato, ma rispetta il suo spazio, è questo il tuo dazio.
5. La famiglia è da onorare; non dimenticare!
6. Chi usa male forza e mente è lontano dalla gente. Sii sano, tendergli la mano!
7. Una sincera volontà porta piena libertà.
8. Nessuno può rubarti, ma se lo permetti è un peccato che commetti.
9. Menzogna o verità,  la prima cosa è la pietà.
10. Noi siamo nostri, Divini Mostri; se qualcuno non vuol partecipare, è libero di andare, ma quantunque volesse tornare, siamo qui, pronti ad imparare.

COSTITUZIONE DELLA REPUBBLICA ISOCRATICA ITALIANA

PRINCIPI FONDAMENTALI –

Art.1 – L’Italia è una Repubblica Isocratica fondata sulla produzione di idee e di risorse votate al benessere collettivo. La sovranità appartiene, nelle forme e nei limiti della Costituzione, ad ogni singolo cittadino in egual misura.

Art. 2 – La Repubblica riconosce al cittadino, sia come singolo che nelle formazioni sociali ove si svolge la sua personalità, il diritto inalienabile a essere tutelato da ingiustizie o iniquità e, qualora ne venisse a conoscenza, il dovere sociale a denunciarle.

Art.3 – I cittadini hanno pari dignità sociale senza alcuna distinzione di sesso, razza, lingua, religione, opinione politica, condizione personale e sociale; di fronte alla legge, prima che Italiani, tutti si è “abitanti del pianeta”.
È compito della Repubblica rimuovere gli ostacoli di ordine politico, economico e sociale che, limitando di fatto la libertà e l’eguaglianza dei cittadini, impediscono il pieno sviluppo della persona umana e l’auspicabile tendenza positiva dell’intero sistema politico, economico e sociale del Paese.

Art.4 – La Repubblica riconosce di fatto a tutti i cittadini il diritto a una libera espressione purchè conforme alle leggi in vigore e a ricevere, per tale gesto, un compenso adeguato secondo le leggi di mercato.
Ogni cittadino ha diritto a svolgere, secondo le proprie possibilità e scelte, un’attività o una funzione purchè concorra al progresso materiale o spirituale della società tutta.

Art.5 – La Repubblica, una e indivisibile, riconosce e promuove le autonomie locali; attua, nei servizi che dipendono dallo Stato, il più ampio decentramento amministrativo; adegua i principi ed i metodi della sua legislazione alle esigenze dell’autonomia e del decentramento.

Art.6 – La Repubblica tutela con apposite norme le minoranze linguistiche.

Art.7 – Lo Stato Italiano rispetta l’ordine e l’indipendenza di ogni Stato sovrano che non sia gestitto con violenza o tirannia. La Repubblica Italiana è membro dell’ONU come del Parlamento Europeo e con questi si pone a salvaguardia di un equo diritto internazionale.

Art.8 – Tutte le confessioni religiose sono egualmente libere davanti alla legge e i loro atti sono valutati come quelli di ogni altro cittadino, organizzazione, ente o istituzione. I loro rapporti con lo Stato sono regolati per legge sulla base di intese con le rispettive rappresentanze.

Art.9 – La Repubblica promuove lo sviluppo scientifico e artistico del paese; tutela l’ambiene e il patrimonio storico in esso contenuto; mira alla salvaguardia della cultura nazionale.

Art. 10 – L’ordinamento giuridico italiano si conforma alle norme del diritto internazionale generalmente riconosciute. La condizione giuridica dello straniero è regolata dalla legge in conformità delle norme e dei trattati internazionali. Lo straniero, al quale sia impedito nel suo paese l’effettivo esercizio delle libertà isocratiche garantite dalla Costituzione italiana, ha diritto d’asilo nel territorio della Repubblica secondo le condizioni stabilite dalla legge.
Non è ammessa l’estradizione dello straniero per reati politici.

Art. 11 – L’Italia ripudia la guerra come strumento di offesa alla libertà degli altri popoli e come mezzo di risoluzione delle controversie internazionali; consente, in condizioni di parità con gli altri Stati, alle limitazioni di sovranità necessarie ad un ordinamento che assicuri la pace e la giustizia fra le Nazioni; promuove e favorisce le organizzazioni internazionali rivolte a tale scopo.

Art. 12 – La bandiera della Repubblica è il tricolore italiano: verde, bianco e rosso, a tre bande verticali di eguali dimensioni.

PARTE I – DIRITTI E DOVERI DEI CITTADINI

Titolo I – Rapporti civili
art. 13. La libertà personale è inviolabile a meno che non comprometta quelle, Costituzionalmente riconosciute, dell’altro.
Non è ammessa forma alcuna di detenzione, di ispezione o perquisizione personale, né qualsiasi altra restrizione della libertà, se non per atto motivato dell’autorità valutativa ed esclusivamente nei casi e modi previsti dalla legge.
L’autorità di pubblica sicurezza, in casi eccezionali di necessità ed urgenza indicati tassativamente dalle norme vigenti, può adottare provvedimenti provvisori che devono essere comunicati entro quarantotto ore alla coordinazione valutativa e, se questa non li convalida nelle successive quarantotto ore, si intendono revocati restando così privi di ogni effetto.
È punita ogni violenza fisica e morale sulle persone comunque sottoposte a restrizioni di libertà.
La legge stabilisce i limiti massimi della carcerazione preventiva.

art. 14. Il domicilio è inviolabile. Non vi si possono eseguire ispezioni o perquisizioni o sequestri se non nei casi e modi stabiliti dalla legge secondo le garanzie prescritte per la tutela della libertà personale.
Gli accertamenti e le ispezioni per motivi di sanità e di incolumità pubblica o a fini economici e fiscali sono regolati da leggi speciali.

art. 15. La libertà e la segretezza della corrispondenza e di ogni altra forma di comunicazione sono inviolabili.
La loro limitazione può avvenire soltanto per atto motivato dell’autorità valutativa con le garanzie stabilite dalla legge.

art. 16. Ogni cittadino può circolare e soggiornare liberamente in qualsiasi parte del territorio nazionale, salvo le limitazioni che la legge stabilisce in via generale per motivi di sanità o di sicurezza. Nessuna restrizione può essere determinata da ragioni politiche.
Ogni cittadino è libero di uscire dal territorio della Repubblica e di rientrarvi, salvo gli obblighi di legge.

art. 17. I cittadini hanno diritto di riunirsi pacificamente e senz’armi.
Per le riunioni, anche in luogo aperto al pubblico, non è richiesto preavviso.
Delle riunioni in luogo pubblico deve essere dato preavviso alle autorità, che possono vietarle soltanto per comprovati motivi di sicurezza o di incolumità pubblica.

art. 18. I cittadini hanno diritto di associarsi liberamente, senza autorizzazione, per fini che non sono vietati ai singoli dalla legge penale.
Sono proibite le associazioni segrete e quelle che perseguono, anche indirettamente, scopi politici mediante organizzazioni di carattere militare.

art. 19. Tutti hanno diritto di professare liberamente la propria fede religiosa in qualsiasi forma, individuale o associata, di farne propaganda e di esercitarne in privato o in pubblico il culto, purché‚ non si tratti di riti contrari al buon costume.

art. 20. Il carattere ecclesiastico e il fine di religione o di culto, d’una associazione od istituzione, non possono essere causa di speciali limitazioni legislative, ne di particolari gravami fiscali per la sua costituzione, capacità giuridica e ogni forma di attività.

art. 21. Tutti hanno diritto di manifestare liberamente il proprio pensiero con la parola, lo scritto o ogni altro mezzo di diffusione.
La stampa non può essere soggetta ad autorizzazioni o censure.
Si può procedere a sequestro soltanto per atto motivato dell’autorità valutativa nel caso di delitti, per i quali la legge sulla stampa e le norme vigenti espressamente lo autorizzino. In tali casi, quando vi sia assoluta urgenza e non sia possibile il tempestivo intervento dell’autorità giudiziaria, il sequestro della stampa periodica può essere eseguito da ufficiali valutatori, che devono immediatamente, sempre entro le ventiquattro ore, fare denuncia all’autorità stessa. Se questa lo convalida nelle ventiquattro ore successive, il sequestro si intende definito.
La legge può stabilire, con norme di carattere generale, che siano resi noti i mezzi di finanziamento della stampa periodica.
Sono vietate le pubblicazioni, gli spettacoli e tutte le altre manifestazioni contrarie al buon costume se non opportunamente autorizzate. La legge stabilisce provvedimenti adeguati a prevenire e reprimere le violazioni.

art. 22. Nessuno può essere privato, per motivi politici, della capacità giuridica, della cittadinanza, del nome.

art. 23. Nessuna prestazione personale o patrimoniale può essere imposta se non in base alla legge.

art. 24. Tutti possono chiedere la tutela dei propri diritti e interessi legittimi rivolgendosi all’autorità valutativa. La difesa è diritto inviolabile in ogni stato e grado del procedimento.
Ai meno abbienti, vengono assicurati i mezzi per agire e difendersi davanti ad ogni valutazione.
La legge determina le condizioni e i modi per la riparazione degli errori valutativi.

art. 25. Nessuno può essere distolto dal valutatore naturale precostituito per legge, essere punito se non in forza di una legge che sia entrata in vigore prima del fatto commesso o sottoposto a misure di sicurezza se non nei casi previsti dalla legge.

art. 26. L’estradizione del cittadino può essere consentita soltanto ove sia espressamente prevista dalle convenzioni internazionali.
In alcun caso viene ammessa per reati politici.

art. 27. La responsabilità penale è personale e incedibile.
L’imputato non è considerato colpevole sino alla valutazione definitiva di colpevolezza.
Le pene non possono consistere in trattamenti contrari al senso di umanità e devono tendere alla rieducazione del condannato.
Non è ammessa la pena di morte.

art. 28. I funzionari e i dipendenti dello Stato e degli enti pubblici, come ogni altro lavoratore, sono direttamente responsabili, secondo le leggi penali, civili e amministrative, degli atti compiuti in violazione alle norme vigenti, in relazione al loro impiego.

Titolo II – Rapporti etico-sociali
art. 29. La Repubblica riconosce i diritti della famiglia come società naturale fondata sul matrimonio.
Il matrimonio è ordinato sull’eguaglianza morale e giuridica dei coniugi, con i limiti stabiliti dalla legge a garanzia dell’unità familiare.

art. 30. È dovere e diritto dei genitori mantenere, istruire ed educare i figli, anche se nati fuori del matrimonio. Nei casi di incapacità dei genitori, la legge provvede a che siano assolti i loro compiti.
La legge assicura ai figli nati fuori del matrimonio ogni tutela giuridica e sociale, compatibile con i diritti dei membri della famiglia legittima.
La legge detta le norme e i limiti per la ricerca della paternità.

art. 31. La Repubblica agevola con misure economiche e altre provvidenze la formazione della famiglia e l’adempimento dei compiti relativi, con particolare riguardo alle famiglie numerose.
Protegge la maternità, l’infanzia e la gioventù, favorendo gli istituti necessari a tale scopo.

art. 32. La Repubblica tutela la salute come fondamentale diritto dell’individuo e interesse della collettività, e garantisce cure gratuite agli indigenti.
Nessuno può essere obbligato a un determinato trattamento sanitario se non per disposizioni di legge. La legge non può in nessun caso violare i limiti imposti dal rispetto della persona umana.

art. 33. L’arte e la scienza sono libere e libero ne è l’insegnamento.
La Repubblica detta le norme generali sull’istruzione ed istituisce scuole statali per tutti gli ordini e gradi.
Enti e privati hanno il diritto di istituire scuole ed istituti di educazione, senza oneri per lo Stato.
La legge, nel fissare i diritti e gli obblighi delle scuole non statali che chiedono la parità, deve assicurare ad esse piena libertà e ai loro alunni un trattamento scolastico equipollente a quello degli alunni di scuole statali.
È prescritto un esame di Stato per l’ammissione ai vari ordini e gradi di scuole o per la conclusione di essi e per l’abilitazione all’esercizio professionale.
Le istituzioni di alta cultura, università ed accademie, hanno il diritto di darsi ordinamenti autonomi nei limiti stabiliti dalle leggi dello Stato.

art. 34. La scuola è aperta a tutti. L’istruzione inferiore, impartita per almeno otto anni, è obbligatoria e gratuita.
I capaci e meritevoli, anche se privi di mezzi hanno diritto di raggiungere i gradi più alti degli studi.
La Repubblica rende effettivo questo diritto con borse di studio, assegni alle famiglie ed altre provvidenze, che devano essere attribuite per concorso.

Titolo III – Rapporti economici

art. 35. La Repubblica tutela il lavoro in tutte le sue forme ed applicazioni.
Cura la formazione e l’elevazione professionale dei lavoratori.
Promuove e favorisce gli accordi e le organizzazioni internazionali intesi ad affermare e regolare i diritti del lavoro.
Riconosce la libertà di emigrazione, salvo gli obblighi stabiliti dalla legge nell’interesse generale, e tutela il lavoro italiano all’estero.

art. 36. Il lavoratore ha diritto ad una retribuzione proporzionata alla quantità e qualità del suo lavoro e in ogni caso sufficiente ad assicurare a s‚ e alla famiglia un’esistenza libera e dignitosa.
La durata massima della giornata lavorativa è stabilita dalla legge.
Il lavoratore ha diritto al riposo settimanale e a ferie annuali retribuite, e non può rinunziarvi.

art. 37. La donna lavoratrice ha gli stessi diritti e, a parità di lavoro, le stesse retribuzioni che spettano al lavoratore. Le condizioni di lavoro devono consentire l’adempimento della sua essenziale funzione familiare e assicurare alla madre e al bambino una speciale adeguata protezione.
La legge stabilisce il limite minimo di età per il lavoro salariato.
La Repubblica tutela il lavoro dei minori con speciali norme e garantisce ad essi, a parità di lavoro, il diritto alla parità di retribuzione.

art. 38. Ogni cittadino inabile al lavoro e sprovvisto dei mezzi necessari per vivere ha diritto al mantenimento e all’assistenza sociale.
I lavoratori hanno diritto che siano preveduti ed assicurati mezzi adeguati alle loro esigenze di vita in caso di infortunio, malattia, invalidità e vecchiaia disoccupazione involontaria.
Gli inabili ed i minorati hanno diritto all’educazione e all’avviamento professionale.
Ai compiti previsti in questo articolo provvedono organi ed istituti predisposti o integrati dallo Stato.
L’assistenza privata è libera.

art. 39. L’organizzazione sindacale è libera.
Ai sindacati non può essere imposto altro obbligo se non la loro registrazione presso uffici locali o centrali, secondo le norme di legge.
È condizione per la registrazione che gli statuti dei sindacati sanciscano un ordinamento interno a base isocratica.
I sindacati registrati hanno personalità giuridica. Possono, rappresentati unitariamente in proporzione dei loro iscritti, stipulare contratti collettivi di lavoro con efficacia obbligatoria per tutti gli appartenenti alle categorie alle quali il contratto si riferisce.

art. 40. Il diritto di sciopero si esercita nell’ambito delle leggi che lo regolano.

art. 41. L’iniziativa economica privata è libera.
Non può svolgersi in contrasto con l’utilità sociale o in modo da recare danno alla sicurezza, alla libertà, alla dignità umana.
La legge determina i programmi e i controlli opportuni perché l’attività economica pubblica e privata possa essere indirizzata e coordinata a fini sociali.

art. 42. La proprietà è pubblica o privata. I beni economici appartengono allo Stato, ad enti o a privati.
La proprietà privata è riconosciuta e garantita dalla legge, che ne determina i modi di acquisto, di godimento e i limiti allo scopo di assicurarne la funzione sociale e di renderla accessibile a tutti.
La proprietà privata può essere, nei casi preveduti dalla legge, e salvo indennizzo, espropriata per motivi di interesse generale.
La legge stabilisce le norme ed i limiti della successione legittima e testamentaria e i diritti dello Stato sulle eredità.

art. 43. A fini di utilità generale la legge può riservare originariamente o trasferire, mediante espropriazione e salvo indennizzo, allo Stato, ad enti pubblici o a comunità di lavoratori o di utenti determinate imprese o categorie di imprese che si riferiscano a servizi pubblici essenziali o a fonti di energia o a situazioni di monopolio ed abbiano carattere di preminente interesse generale.

art. 44. Al fine di conseguire il razionale sfruttamento del suolo e di stabilire equi rapporti sociali, la legge impone obblighi e vincoli alla proprietà terriera privata, fissa limiti alla sua estensione secondo le regioni e le zone agrarie, promuove ed impone la bonifica delle terre, la trasformazione del latifondo e la ricostituzione delle unità produttive; aiuta la piccola e la media proprietà.
La legge dispone provvedimenti a favore delle zone montane.

art. 45. La Repubblica riconosce la funzione sociale della cooperazione a carattere di mutualità e senza fini di speculazione privata. La legge ne promuove e favorisce l’incremento con i mezzi più idonei e ne assicura, con gli opportuni controlli, il carattere e le finalità.
La legge provvede alla tutela e allo sviluppo dell’artigianato.

art. 46. Ai fini dell’elevazione economica e sociale del lavoro e in armonia con le esigenze della produzione, la Repubblica riconosce il diritto dei lavoratori a collaborare, nei modi e nei limiti stabiliti dalle leggi, alla gestione delle aziende.

art. 47. La Repubblica incoraggia e tutela il risparmio in tutte le sue forme; disciplina, coordina e controlla l’esercizio del credito.
Favorisce l’accesso del risparmio popolare alla proprietà dell’abitazione, alla proprietà diretta coltivatrice e al diritto e indiretto investimento azionario nei grandi complessi produttivi del Paese.
Titolo IV – Rapporti politici

art. 48. Sono elettori tutti i cittadini, uomini e donne, che hanno raggiunto la maggiore età.
Il voto è personale ed eguale, libero e segreto. Il suo esercizio è dovere civico.
Il diritto di voto non può essere limitato se non per incapacità civile o per effetto di sentenza penale irrevocabile o nei casi di indegnità morale indicati dalla legge.

art. 49. Tutti i cittadini hanno diritto di associarsi liberamente in gruppi di cinque persone (i coordinatori) che, una volta eletti, si occuperanno della gestione dello stato in tutte le sue forme.

art. 50. Tutti i cittadini possono rivolgere petizioni ai Revisori per chiedere provvedimenti legislativi o esporre comuni necessità.

art. 51. Tutti i cittadini dell’uno o dell’altro sesso possono accedere agli uffici pubblici e alle cariche elettive in condizioni di eguaglianza, secondo i requisiti stabiliti dalla legge.
La legge può, per l’ammissione ai pubblici uffici e alle cariche elettive, parificare ai cittadini gli italiani non appartenenti alla Repubblica.
Chi è chiamato a funzioni pubbliche elettive ha diritto di disporre del tempo necessario al loro adempimento e di conservare il suo posto di lavoro.

art. 52. La difesa della Patria è sacro dovere del cittadino, secondo le possibilità e le inclinazioni di ognuno.
L’ordinamento delle Forze armate si informa allo spirito isocratico della Repubblica.

art. 53. Tutti sono tenuti a concorrere alle spese pubbliche in ragione della loro capacità contributiva.
Il sistema tributario è informato a criteri di progressività.

art. 54. Tutti i cittadini hanno il dovere di essere fedeli alla Repubblica e di osservarne la Costituzione e le leggi.
I cittadini cui sono affidate funzioni pubbliche hanno il dovere di adempierle con disciplina ed onore, prestando giuramento nei casi stabiliti dalla legge.

PARTE II – ORDINAMENTO DELLA REPUBBLICA

Titolo I – Coordinamento
art. 55. – Il coordinamento e quindi l’intero potere gestionale della repubblica, viene ripartito equamente tra cinque coordinatori, eletti, come “pentacoalizione”, a suffragio universale e diretto (da cittadini con sedici anni compiuti) per un mandato di cinque anni, con possibilità di rielezione a oltranza . Ciascuno di loro coordinerà un diverso aspetto dell’azione statale:
1- Azione legiferatoria
2- Azione attuativa
3- Azione valutativa
4- Azione revisionale
5- Azione rappresentativa.

Sezione I – Il Senato della Repubblica
art. 56. Il coordinamento dell’azione legiferatoria, esercitata dal Senato della Repubblica, spetta a un coordinatore chiamato anche Primo Senatore.
Il Primo Senatore coordina, come primus inter pari, un equipe composta di ulteriori quattro legislatori, da lui stesso nominati. I cinque senatori, a loro volta, coordinano l’azione di cinque Assemblee legislative, ognuna con specifiche diverse: 1-diritti dello Stato 2-doveri dello Stato 3-diritti del cittadino 4-doveri del cittadino 5-leggi internazionali (quest’ultimo coordinato dal Primo Senatore).

art. 57. La Assemblee legislative sono composte ciascuna da venticinque membri. In totale, sono contemplati centoventicinque senatori.
Sono eleggibili a Primi senatori tutti gli elettori che, nel giorno delle elezioni, hanno compiuto i venticinque anni di età.

art. 58. Il Senato adotta il proprio regolamento a maggioranza assoluta dei suoi componenti.
Le sedute sono pubbliche tranne che per gravi motivi di ordine pubblico e decisioni gravi. Il Senato si riunisce in assemblea plenaria non meno di una volta alla settimana.
Le deliberazioni non sono valide se non è presente la maggioranza dei loro componenti e se non sono adottate a maggioranza dei presenti, salvo che la Costituzione prescriva una maggioranza speciale.
Ogni Primo coordinatore ha il diritto, e se richiesto l’obbligo, di assistere alle sedute e di intervenire dove necessario.

art. 59. La legge determina i casi di ineleggibilità e di incompatibilità con l’ufficio di senatore. Nessuno può appartenere contemporaneamente ad uffici con specifiche base diverse.

art. 60. Il Senato giudica dei titoli di ammissione dei suoi componenti e delle cause sopraggiunte di ineleggibilità e di incompatibilità.

art. 61. Ogni Senatore rappresenta la Nazione ed esercita le sue funzioni senza vincolo di mandato.

art. 62. I membri del Senato possono essere perseguiti per le opinioni espresse e i voti dati nell’esercizio delle loro funzioni, se contro la legge.
In caso di procedimenti penali, ogni Senatore seguirà il dettame “La legge è uguale per tutti”, presentandosi come un semplice cittadino alla valutazione degli atti.

art. 63. I membri del Parlamento ricevono una indennità stabilita dalla legge secondo criteri meritocratici.

Sezione II – La formazione delle leggi
art. 64. La funzione legislativa è esercitata esclusivamente dal Senato.

art. 65. L’iniziativa delle leggi appartiene a ciascun Primo Coordinatore e hai membri e sottomembri del loro gabinetto.
Il popolo esercita l’iniziativa delle leggi, mediante la proposta, da parte di almeno cinquantamila elettori, di un progetto redatto in articoli. Centomila firme sono invece necessarie per abrogare una legge.

art. 66. Ogni disegno di legge, presentato al Senato è, secondo le norme del suo regolamento, esaminato dai membri del Senato stesso, che l’approvano articolo per articolo e con votazione finale.
Il regolamento stabilisce procedimenti abbreviati per i disegni di legge dei quali è dichiarata l’urgenza. I cinque gruppi legiferatori possono esaminare e approvare indipendentemente i disegni di legge. Ogni proposta di legge può essere fermata dal voto di 25 Senatori.
La procedura normale di esame e di approvazione diretta da parte del Senato è sempre adottata per i disegni di legge in materia costituzionale ed elettorale e per quelli di delegazione legislativa, di autorizzazione a ratificare trattati internazionali, di approvazione di bilanci e consuntivi.

art. 67. Le leggi possono essere fermate dalla maggioranza assoluta del collegio dei cinque Primi Coordinatori entro un mese dall’approvazione.
Le leggi sono pubblicate subito dopo l’approvazione ed entrano in vigore il quindicesimo giorno successivo alla loro pubblicazione, salvo che le leggi stesse stabiliscano un termine diverso.

art. 68. Il Collegio dei Primi Coordinatori, prima di promulgare la legge, può con messaggio motivato al Senato, chiedere una nuova deliberazione.
Se il Senato approva nuovamente la legge, questa deve essere promulgata.

art. 69. L’esercizio della funzione legislativa non può essere delegato ad altri Primi Coordinatori se non con determinazione di principi e criteri direttivi e soltanto per tempo limitato e per oggetti definiti.

art. 70. Quando, in casi straordinari di necessità e d’urgenza, il Coordinamento Attuativo emette provvedimenti provvisori con forza di legge, il giorno stesso deve presentarli per la conversione al Senato, che viene appositamente convocato e si deve riunire entro cinque giorni.
I decreti perdono efficacia sin dall’inizio, se non sono convertiti in legge entro sessanta giorni dalla loro pubblicazione. I decreti non passati in legge perdono totalmente efficacia.

art. 71. L’amnistia e l’indulto sono concessi dal collegio dei cinque Primi Cordinatori, solo all’unanimità.
Non possono applicarsi ai reati commessi successivamente alla proposta di delegazione.

art. 72. Ciascun Senatore può disporre inchieste su materie di pubblico interesse con i mezzi che ritiene più consoni o provare a bloccare quelle di altri che ritiene dannose. La commissione d’inchiesta procede alle indagini e agli esami con gli stessi poteri e le stesse limitazioni dell’autorità valutativa.

Sezione iIi – Il Governo della Repubblica
art. 73. Il coordinamento dell’azione attuativa, esercitata dal Governo della Repubblica, spetta a un coordinatore chiamato anche Primo Ministro.
Il Primo Ministro coordina, come primus inter pari, un equipe composta di ulteriori quattro ministri, da lui stesso nominati. I cinque Ministri, a loro volta, coordinano l’azione di cinque Assemblee attuative, ognuna con specifiche diverse: 1-Attività dello Stato 2-Passività dello Stato 3-Attività del cittadino 4-Passività del cittadino 5-Cooperazioni internazionali (quest’ultimo coordinato dal Primo Ministro).

art. 74. La Assemblee attuative sono composte ciascuna da venticinque membri. In totale, sono contemplati centoventicinque Ministri.
Sono eleggibili come Primo Ministro tutti gli elettori che, nel giorno delle elezioni, hanno compiuto i venticinque anni di età.

art. 75. Il Governo adotta il proprio regolamento a maggioranza assoluta dei suoi componenti.
Le sedute sono pubbliche tranne che per gravi motivi di ordine pubblico e decisioni gravi. Il Governo si riunisce in assemblea plenaria non meno di una volta alla settimana.
Le deliberazioni non sono valide se non è presente la maggioranza dei loro componenti e se non sono adottate a maggioranza dei presenti, salvo che la Costituzione prescriva una maggioranza speciale.
Ogni Primo coordinatore ha il diritto, e se richiesto l’obbligo, di assistere alle sedute e di intervenire dove necessario.
Ogni membro della struttura statale, può fare una proposta attuativa.

art. 76. La legge determina i casi di ineleggibilità e di incompatibilità con l’ufficio di Ministro.
Nessuno può appartenere contemporaneamente ad uffici con specifiche base diverse.

art. 77. Il Governo giudica dei titoli di ammissione dei suoi componenti e delle cause sopraggiunte di ineleggibilità e di incompatibilità.

art. 78. Ogni Ministro rappresenta la Nazione ed esercita le sue funzioni senza vincolo di mandato.

art. 79. I membri del Governo possono essere perseguiti per le opinioni espresse e i voti dati nell’esercizio delle loro funzioni, se contro la legge.
In caso di procedimenti penali, ogni Ministro seguirà il dettame “La legge è uguale per tutti”, presentandosi come semplice cittadino alla valutazione degli atti.

art. 80. I membri del Governo ricevono una indennità stabilita dalla legge secondo criteri meritocratici.

Sezione IV -La funzione attuativa
art. 81. La funzione attuativa è esercitata esclusivamente dal Governo.

art. 82. Oltre a l’iniziativa delle leggi, il Governo si occupa della gestione imprenditoriale dello Stato, con particolare attenzione alla soddisfazione del cittadino e nel rispetto delle leggi approvate dalla pentacoalizione al potere.
Il popolo può opporsi a qualsiasi iniziativa di Governo, mediante la proposta, da parte di almeno cinquantamila elettori, di un progetto redatto in articoli. Può anche farsi promotore di atti, con la raccolta di almeno centomila firme.

art. 83. Ogni proposta attuativa, presentata al Governo è, secondo le norme del suo regolamento, esaminato dai membri del Governo stesso, che l’approvano articolo per articolo e con votazione finale.
Il regolamento stabilisce procedimenti abbreviati per le proposte attuative delle quali è dichiarata l’urgenza.
I cinque gruppi attuativi possono esaminare e approvare indipendentemente le proposte. Ognuna di queste può essere fermata dal voto di 25 Ministri.
La procedura normale di esame e di approvazione diretta da parte del Governo è sempre adottata per gli atti in materia costituzionale ed elettorale e per l’approvazione di bilanci e consuntivi.

art. 84. Gli Atti possono essere fermati dalla maggioranza assoluta del collegio dei cinque Primi Coordinatori, entro un mese dall’approvazione.
Gli atti sono pubblicati subito dopo l’approvazione ed entrano in vigore immediatamente dopo la loro pubblicazione, salvo che gli atti stessi stabiliscano un termine diverso.

art. 85. L’esercizio della funzione attuativa non può essere delegato ad altri Primi Coordinatori se non con determinazione di principi e criteri direttivi e soltanto per tempo limitato e per oggetti definiti.

art. 86. In casi straordinari di necessità e d’urgenza, il Coordinamento Attuativo può emettere provvedimenti provvisori con forza di legge, il giorno stesso deve presentarli per la conversione al Senato, che viene appositamente convocato e si deve riunire entro cinque giorni.
I decreti perdono efficacia sin dall’inizio, se non sono convertiti in legge entro sessanta giorni dalla loro pubblicazione. I decreti non passati in legge perdono totalmente efficacia.

art. 87. Il Coordinamento attuativo presenta ogni anno i bilanci e il rendiconto consuntivo per essere approvato dal Coordinamento revisionale.
L’esercizio provvisorio del bilancio non può essere concesso se non per legge e per periodi non superiori complessivamente a quattro mesi.
Con l’approvazione del bilancio da parte della gestione Revisionale, non si possono stabilire nuovi tributi e nuove spese.

art. 88. Ciascun Ministro può disporre inchieste su materie di pubblico interesse con i mezzi che ritiene più consoni o provare a bloccare quelle di altri che ritiene dannose. La commissione d’inchiesta procede alle indagini e agli esami con gli stessi poteri e le stesse limitazioni dell’autorità valutativa.

Sezione V – Il Coordinamento valutativo della Repubblica
art. 89. La valutazione delle azioni giuste o sbagliate viene effettuata, a seconda dei casi, dal Coordinamento Valutativo, nella figura del Primo Valutatore, coadiuvato da quattro valutatori da lui nominati.
I cinque valutatori così evidenziati, formano la Prima Corte Valutativa, e sono ciascuno a capo di un equipe di ventiquattro valutatori; un totale di 125 valutatori, suddivisi in cinque sezioni. Queste sono: 1-il Consiglio di Stato: valuta i crimini dello Stato 2-la Corte dei Conti: valuta i crimini del cittadino 3-il Consiglio Superiore della Magistratura: valuta i meriti/demeriti dello Stato 4-la corte d’Assise: valuta i meriti/demeriti del cittadino 5-l’Alta Corte Internazionale: valuta le questioni internazionali (quest’ultima coordinata dal Primo Valutatore).
I valutatori sono anch’essi soggetti alla legge; per essere eletti o nominati, devono aver compiuto il venticinquesimo anno d’età..

art. 90. La funzione valutativa è esercitata da Valutatori ordinari, istituiti e regolati dalle norme sull’ordinamento valutativo.
Possono essere istituiti valutatori straordinari o speciali per urgenza o necessità, ma in quel caso la valutazione, per essere valida, necessita dell’approvazione maggioritaria del collegio dei 125 valutatori (collegio valutante). Possono istituirsi presso gli organi valutativi, sezioni specializzate per determinate materie, anche con la partecipazione di cittadini idonei, estranei al collegio valutante.
La legge regola i casi e le forme della partecipazione diretta del popolo all’amministrazione dell’azione valutativa.

art. 91. Spettano al Primo Valutatore, secondo le norme dell’ordinamento valutativo: le assunzioni, le assegnazioni ed i trasferimenti; le promozioni e i provvedimenti disciplinari nei riguardi dei valutatori.

art. 92. I valutatori rispondono direttamente al Primo Valutatore, che a sua volta risponde al Gran Consiglio della Pentacoalizione.

art. 93. Le norme sull’ordinamento valutativo e su ogni Corte Valutativa, sono stabilite dal regolamento interno dell’Apparato Valutatorio.
La legge assicura l’indipendenza dei valutatori da eventuali manipolazioni da parte di forze politiche o d’altro che minaccino l’integrità e la verità delle valutazioni stesse.

art. 94. L’autorità valutativa è valutabile, come ogni cittadino.

Sezione VI – Norme sulle valutazioni
art. 95. Tutti i provvedimenti valutativi devono essere motivati.
Contro le sentenze e contro i provvedimenti sulla libertà personale, pronunciati dagli organi valutativi ordinari o speciali, è sempre ammesso ricorso alla Pentacoalizione per violazione di legge.

art. 96. Il pubblico ministero ha l’obbligo di esercitare l’azione penale.

art. 97. Contro gli atti della pubblica amministrazione è sempre ammessa la tutela valutativa dei diritti e degli interessi legittimi dinanzi agli organi di valutazione ordinaria o amministrativa.
Tale tutela valutativa non può essere esclusa o limitata a particolari mezzi di impugnazione o per determinate categorie di atti.
La legge determina quali organi di valutazione possono annullare gli atti della pubblica amministrazione nei casi e con gli effetti previsti dalla legge stessa.

Sezione VII – La Camera Revisionale della Repubblica

art. 98. La revisione di leggi di quasiasi tipo, viene effettuata, a seconda dei casi, dalla Camera Revisionale, nella figura del Primo Revisore, coadiuvato da quattro revisori da lui nominati.
I cinque revisori così evidenziati, formano la Prima Camera Revisionale, e sono ciascuno a capo di un equipe di ventiquattro revisori; un totale di 125 revisori, suddivisi in cinque sezioni. Queste sono: 1-la Camera di Stato: revisiona le leggi per lo Stato 2-la Camera dei Conti: revisiona le leggi per il cittadino 3-il Consiglio Revisionale: revisiona le valutazioni per lo Stato 4-la Corte di Revisione: revisiona le valutazioni per il cittadino. 5-l’Alta Camera Internazionale: revisiona le questioni internazionali (quest’ultima coordinata dal Primo Revisore).
I revisori sono anch’essi soggetti alla legge; per essere eletti o nominati, devono aver compiuto il venticinquesimo anno d’età..

art. 99. La funzione valutativa è esercitata da Revisori ordinari, istituiti e regolati dalle norme sull’ordinamento revisionale.
Possono essere istituiti revisori straordinari o speciali per urgenza o necessità, ma in quel caso la revisione, per essere valida, necessita dell’approvazione maggioritaria del collegio dei 125 revisori (collegio revisionale). Possono istituirsi presso gli organi revisionali, sezioni specializzate per determinate materie, anche con la partecipazione di cittadini idonei, estranei al collegio revisionale.
La legge regola i casi e le forme della partecipazione diretta del popolo all’amministrazione dell’azione revisionale.

art. 100. Spettano al Primo Revisore, secondo le norme dell’ordinamento revisionale: le assunzioni, le assegnazioni ed i trasferimenti; le promozioni e i provvedimenti disciplinari nei riguardi dei revisori.

art. 101. I revisori rispondono direttamente al Primo Revisore, che a sua volta risponde al Gran Consiglio della Pentacoalizione.

art. 102. Le norme sull’ordinamento revisionale e su ogni Camera Revisionale, sono stabilite dal regolamento interno dell’Apparato Revisionale.
La legge assicura l’indipendenza dei revisori da eventuali manipolazioni da parte di forze politiche o d’altro che minaccino l’integrità e la verità delle revisioni stesse.

art. 103. L’autorità revisionale è valutabile, come ogni cittadino.

Sezione VIII – Norme sulle revisioni
art. 104. Tutti i provvedimenti revisionali devono essere motivati.
Contro le revisioni concernenti la libertà personale, pronunciati dagli organi revisionali ordinari o speciali, è sempre ammesso ricorso alla Pentacoalizione per violazione di legge.

art. 105. Contro gli atti della pubblica amministrazione è sempre ammessa la tutela revisionale dei diritti e degli interessi legittimi dinanzi agli organi di revisione ordinaria o amministrativa.
Tale tutela revisionale non può essere esclusa o limitata a particolari mezzi di impugnazione o per determinate categorie di atti.
La legge determina quali organi di revisione possono annullare gli atti della pubblica amministrazione nei casi e con gli effetti previsti dalla legge stessa.

Sezione VIII – Il Presidente della Repubblica

art. 106. Nel Consiglio della Pentacoalizione, il Presidente della Repubblica è il coordinatore detenente l’azione rappresentativa.

art. 107. La rappresentanza della Repubblica viene effettuata, a seconda dei casi, dalla Collegio del Presidente, nella figura del Presidente stesso (o Primo Ambasciatore) coadiuvato da quattro ambasciatori da lui nominati.
I cinque ambasciatori così evidenziati, formano la Primo Collegio Presidenziale, e sono ciascuno a capo di un equipe di ventiquattro ambasciatori; un totale di 125 ambasciatori, suddivisi in cinque sezioni. Queste sono: 1-ufficio relazioni con l’Europa 2-ufficio relazioni con America del Nord 3-ufficio relazioni col SudAmerica 4-ufficio relazioni coll’Asia 5-ufficio relazioni con Africa e Oceania (quest’ultima coordinata dal Presidente).
Gli ambasciatori sono anch’essi soggetti alla legge; per essere eletti o nominati, devono aver compiuto il venticinquesimo anno d’età..

art. 108. I rapporti e le relazioni con i vari continenti, sono esercitati a nome della Repubblica da Ambasciatori ordinari, istituiti e regolati dalle norme sull’ordinamento relazionale.
Possono essere istituiti ambasciatori straordinari o speciali per urgenza o necessità.

art. 109. Spetta al Presidente, secondo le norme dell’ordinamento relazionale: le assunzioni, le assegnazioni ed i trasferimenti; le promozioni e i provvedimenti disciplinari nei riguardi dei ambasciatori.

art. 110. Gli ambasciatori rispondono direttamente al Presidente, che a sua volta risponde al Gran Consiglio della Pentacoalizione.

art. 111. Le norme su ogni Collegio Presidenziale o ambasciata, sono stabilite dal regolamento interno della presidenza.
La legge assicura l’indipendenza degli ambasciatori da eventuali manipolazioni da parte di forze politiche o d’altro che minaccino l’integrità e la verità delle ambasciate stesse.

art. 112. L’autorità presidenziale è valutabile, come ogni cittadino.

art. 113. Tutti i provvedimenti internazionali devono essere motivati.

Titolo II – Le Regioni, Le Province, i Comuni
art. 114. La Repubblica si riparte nella capitale (Roma), in cinque Regioni con cinque capoluoghi (Milano, Firenze, Napoli, Palermo e Cagliari) e nei vari Comuni, coordinati ciascuno da rappresentanti locali dello Stato, secondo il criterio pentaorganizzativo.

art. 115. La Regione emana per le seguenti materie norme legislative nei limiti dei principi fondamentali stabiliti dalle leggi dello Stato, sempreché‚ le norme stesse non siano in contrasto con l’interesse nazionale e con quello di altre Regioni:
– ordinamento degli uffici e degli enti amministrativi dipendenti dalla Regione;
– circoscrizioni comunali;
– polizia locale urbana e rurale;
– fiere e mercati;
– beneficenza pubblica ed assistenza sanitaria ed ospedaliera;
– istruzione artigiana e professionale e assistenza scolastica;
– musei e biblioteche di enti locali;
– urbanistica;
– turismo ed industria alberghiera;
– tranvie e linee automobilistiche d’interesse regionale;
– viabilità, acquedotti e lavori pubblici di interesse regionale;
– navigazione e porti lacuali;
– acque minerali e termali;
– cave e torbiere;
– caccia;
– pesca nelle acque interne;
– agricoltura e foreste;
– artigianato;
– altre materie indicate da leggi costituzionali.
Le leggi della Repubblica possono demandare alla Regione il potere di emanare norme per la loro attuazione.

art. 116. Spettano alla Regione le funzioni amministrative per le materie elencate nel precedente articolo, salvo quelle di interesse esclusivamente locale, che possono essere attribuite dalle leggi della Repubblica ai Comuni o ad altri enti locali.
Lo Stato può con legge delegare alla Regione l’esercizio di altre funzioni amministrative.
La Regione esercita normalmente le sue funzioni amministrative delegandole ai Comuni o ad altri enti locali, o valendosi dei loro uffici.

art. 117. Le Regioni hanno autonomia finanziaria nelle forme e nei limiti stabiliti da leggi della Repubblica, che la coordinano con la finanza dello Stato e dei Comuni.
Alle Regioni sono attribuiti tributi propri e quote di tributi erariali, in relazione ai bisogni delle Regioni per le spese necessarie ad adempiere le loro funzioni normali.
Per provvedere a scopi determinati, e particolarmente per valorizzare il Mezzogiorno e Isole, lo Stato assegna per legge a singole Regioni contributi speciali.
La Regione ha un proprio demanio e patrimonio, secondo le modalità stabilite con legge della Repubblica.

art. 118. La Regione non può istituire dazi d’importazione o esportazione o transito fra le Regioni.
Non può adottare provvedimenti che ostacolino in qualsiasi modo la libera circolazione delle persone e delle cose fra le Regioni.
Non può limitare il diritto dei cittadini di esercitare in qualunque parte del territorio nazionale la loro professione, impiego o lavoro.

art. 119. Sono organi della Regione: il Consiglio regionale e il suo presidente.
In tutto venticinque consiglieri, esercitano le cinque azioni del potere divisi in sottoconsigli di cinque membri ciascuno. Possono proporre leggi al Senato.
Il Presidente del Consiglio regionale e i suoi quattro collaboratori stretti, rappresentano la Regione; promulgano le leggi ed i regolamenti regionali; dirigono le funzioni attuative, valutative e revisionali all’interno della propria regione. Rispondono direttamente alla pentacoalizione.

art. 120. Il sistema di nomina, il numero e i casi di incompatibilità dei consiglieri regionali sono stabiliti con legge della Repubblica.
Nessuno può appartenere contemporaneamente a un Consiglio regionale e ad altre cariche istituzionali.
La pentacoalizione nomina un presidente regionale e lui nominerà il Consiglio regionale.
I consiglieri regionali possono essere chiamati a rispondere delle opinioni espresse e dei voti dati nell’esercizio delle loro funzioni.

art. 121. Ogni Regione ha uno statuto il quale, in armonia con la Costituzione e con le leggi della Repubblica, stabilisce le norme relative all’organizzazione interna della Regione. Lo statuto regola l’esercizio del diritto di iniziativa e del referendum su leggi e provvedimenti amministrativi della Regione e la pubblicazione delle leggi e dei regolamenti regionali.
Lo statuto è deliberato dal Consiglio regionale a maggioranza assoluta dei suoi componenti, ed è approvato con legge della Repubblica.

art. 122. Un commissario attuativo, uno valutativo e uno revisionale, residenti nel capoluogo della Regione, sopraintendono alle funzioni amministrative esercitate dallo Stato e le coordinano con quelle esercitate dalla Regione.

art. 123. Il controllo di legittimità sugli atti amministrativi della Regione è esercitato, in forma decentrata, da un organo dello Stato, nei modi e nei limiti stabiliti da leggi della Repubblica. La legge può in determinati casi ammettere il controllo di merito, al solo effetto di promuovere, con richiesta motivata, il riesame della deliberazione da parte del Consiglio regionale.
Nella Regione sono istituiti organi di valutazione amministrativa di primo grado, secondo l’ordinamento stabilito da legge della Repubblica. Possono istituirsi sezioni con sede diversa dal capoluogo della Regione.

art. 124. Il Consiglio regionale può essere sciolto, quando compia atti contrari alla Costituzione o gravi violazioni di legge, o non corrisponda all’invito del Governo di sostituire la Giunta o il Presidente, che abbiano compiuto analoghi atti o violazioni.
Può essere sciolto quando, per dimissioni o per impossibilità di formare una maggioranza, non sia in grado di funzionare.
Può essere altresì sciolto per ragioni di sicurezza nazionale.
Lo scioglimento è disposto con decreto motivato della Pentacoalizione

art. 125. Ogni legge approvata dal Consiglio regionale è comunicata al Commissario che, salvo il caso di opposizione da parte della Pentacoalizione, deve vistarla nel termine di trenta giorni dalla comunicazione.
La legge è promulgata nei dieci giorni dalla apposizione del visto ed entra in vigore non prima di quindici giorni dalla sua pubblicazione. Se una legge è dichiarata urgente dal Consiglio regionale, e la Pentacoalizione lo consente, la promulgazione e l’entrata in vigore non sono subordinate ai termini indicati.
La Pentacoalizione, quando ritenga che una legge approvata dal Consiglio regionale ecceda la competenza della Regione o contrasti con gli interessi nazionali o con quelli di altre Regioni, la rinvia al Consiglio regionale nel termine fissato per l’apposizione del visto.
Ove il Consiglio regionale la approvi di nuovo a maggioranza assoluta dei suoi componenti, la Pentacoalizione può, nei quindici giorni dalla comunicazione, promuovere la questione di legittimità o merito davanti alla Corte Costituzionale. In caso di dubbio, la Corte decide di chi sia la competenza.

Art. 126. I Comuni sono enti autonomi nell’ambito dei principi fissati da leggi generali della Repubblica, che ne determinano le funzioni.

art. 127. I Comuni sono anche circoscrizioni di decentramento statale e regionale.
Le circoscrizioni provinciali possono essere suddivise in circondari con funzioni esclusivamente amministrative per un ulteriore decentramento.

art. 128. Un organo della Regione, costituito nei modi stabiliti da legge della Repubblica, esercita, anche in forma decentrata, il controllo di legittimità sugli atti dei Comuni e degli altri enti locali.
In casi determinati dalla legge può essere esercitato il controllo di merito, nella forma di richiesta motivata agli enti deliberanti di riesaminare la loro deliberazione.

art. 129. Sono costituite le seguenti Regioni:
Valfata (Piemonte; Valle d’Aosta; Lombardia; Trentino-Alto Adige; Veneto; Friuli-Venezia Giulia), Maroltre (Liguria; Emilia-Romagna; Toscana; Umbria; Marche; Lazio), Cabianca (Abruzzi; Molise; Campania; Puglia; Basilicata; Calabria), Concilia (Sicilia) e Sardegna.

art. 130. Si può, con legge costituzionale, sentiti i Consigli regionali, disporre la fusione di Regioni esistenti o la creazione di nuove Regioni con un minimo di un milione di abitanti, quando ne facciano richiesta tanti Consigli comunali che rappresentino almeno un terzo delle popolazioni interessate, e la proposta sia approvata con referendum dalla maggioranza delle popolazioni stesse.
Si può, con referendum e con legge della Repubblica, sentiti i Consigli regionali, consentire che Province e Comuni, che ne facciano richiesta, siano staccati da una regione ed aggregati ad un’altra.

art. 131. La Regione, sentite le popolazioni interessate, può con sue leggi istituire nel proprio territorio nuovi Comuni e modificare le loro circoscrizioni e denominazioni.
Titolo VI – Garanzie costituzionali
Sezione I – La Corte costituzionale

art. 132. La Corte costituzionale è costituiti dai membri della pentacoalizione arrivati secondi alle elezioni. Valuta:
sulle controversie relative alla legittimità costituzionale delle leggi e degli atti aventi forza di legge, dello Stato e delle Regioni;
-sui conflitti di attribuzione tra i poteri dello Stato e su quelli tra lo Stato e le Regioni, e tra le Regioni;
-sulle accuse promosse contro i membri della Pentacoalizione a governo, a norma della Costituzione.

art. 133. Il giudice costituzionale cessa dalla carica con lo scadere del mandato della Pentacoalizione al potere. Le cariche dei cinque membri della corte, rispecchiano quelle dei membri della Pentacoalizione. L’ufficio di giudice della Corte è incompatibile con quello di membro del Parlamento, di un Consiglio Regionale e con ogni carica ed ufficio indicati dalla legge.
Nei giudizi di accusa contro i membri della Pentacoalizione al potere intervengono, oltre i giudici ordinari della Corte, venti membri tratti a sorte da un elenco, redatto dal Governo, di cittadini aventi i requisiti per l’eleggibilità.

art. 134. Quando la Corte dichiara l’illegittimità costituzionale di una norma di legge o di atto avente forza di legge, la norma cessa di avere efficacia dal giorno successivo alla pubblicazione della decisione.
La decisione della Corte è pubblicata e comunicata alla Pentacoalizione ed ai Consigli regionali interessati, affinché‚ ove lo ritengano necessario, provvedano nelle forme costituzionali.

art. 135. Una legge costituzionale stabilisce le condizioni, le forme, i termini di proponibilità dei giudizi di legittimità costituzionale, e le garanzie d’indipendenza dei giudici della Corte.
Con legge ordinaria sono stabilite le altre norme necessarie per la costituzione e il funzionamento della Corte.
Contro le decisioni della Corte costituzionale non è ammessa alcuna impugnazione.

Sezione II – Revisione della Costituzione. Leggi costituzionali
art. 136. Le leggi di revisione della Costituzione possono essere decise solo dalla maggioranza della Pentacoalizione al potere, da tre consigli regionali su cinque, o da un milione di firme.

art. 137. La forma repubblicana non può essere oggetto di revisione costituzionale.

DISPOSIZIONI TRANSITORIE E FINALI
art. I. Con l’entrata in vigore della Costituzione, si organizza il voto per eleggere la Prima pentacoalizione della nuova Repubblica Isocratica Italiana.

Milano, 04/01/2012 – ore 04,45

Firmato: Simone Coen Balduzzi

Principi di Isodinamica

Primo principio d’isodinamica: in un qualsiasi sistema, ogni azione corrisponde a una reazione riflessa; questa coppia tende, come tutto il sistema, all’unità.

Secondo principio d’isodinamica: qualsiasi sistema è detto “entropico” se misurabile come “caos implosivo” e “destropico” se tendente a un “caos esplosivo”. Entrambi questi processi, presi singolarmente, conducono al concetto matematico del “nulla cosmico” o del “punto finito”. L’unione di “entropia” e “destropia”, invece, conduce ad “antropia”  definibile come un “anti-caos” privo di vincoli. La figura “antropeica” per eccellenza è il “punto infinito”, concetto matematico omnidimensionale. In sintesi, il “punto finito” è l’azione, mentre il “punto infinito” è il riflesso.

Terzo principio d’isodinamica: la chiusura assoluta di un sistema è inconcepibile, fuorché per il “punto infinito”. L’energia scambiata al suo interno rimane costantemente direzionata all’unità.

Quarto principio d’isodinamica: l’apertura assoluta di un sistema non è concepibile, tranne che per il “punto finito”. L’energia creata al suo interno è la direzione dell’unità intera.

Quinto principio d’isodinamica: Al principio, il sistema era formato da un solo corpo, colmo di infinite energie contrastanti perché caotiche; l’evoluzione lo porta verso un’unica energia condivisa da ogni corpo.